Parlando dell'oggi, della cultura e della società per immaginare una politica nuova

Tag archive

sinistra

Che senso ha The Subway Wall?

in Opinioni di

Che senso ha The Subway Wall? Può sembrare una domanda autoreferenziale, inutile e narcisisticamente retorica, ma ci è stata e ce la siamo posta molte volte in queste tre settimane di “ferie” che ci siamo concessi. La verità è che questo progetto, per certi versi ardito e per altri umilissimo, non ha un punto di…

Leggi ancora un po'

Chi è causa del suo mal pianga sé stesso

in Politica di

Pianga la sinistra, piangano gli ottimisti della prima ora: il sogno di una socialdemocrazia includente e dialogante – quello incarnato dal Partito Democratico – si è sfaldato sotto il peso delle proprie inadempienze. La Storia ha assicurato le chiavi del proprio destino in ben altre mani: quelle dell’ambiguità di personaggi senza colore, quelle di un…

Leggi ancora un po'

Il ferro di cavallo di una sinistra mancante

in Politica di

Tra le risposte assenti di un Partito Democratico impreparato, senza un’idea di società da contrapporre ad una visione sovranista sempre più trasversale, e un partito – Liberi e Uguali – diviso addirittura nella sua non nascita, la Sinistra si trova ad affrontare una dura sfida, resa ancora più ardua dall’impellenza del momento In questo “chiaroscuro…

Leggi ancora un po'

Come Michael Jordan al Bernabeu

in Politica di

Immaginate di stare camminando per strada, di fermarvi davanti a un campetto da calcio e di vedere questa scena: due squadre di basket si ostinano a giocare con le regole della pallacanestro e l’arbitro annulla tutti i goal e continua a fischiare perché, ovviamente, le regole del basket sono diverse da quelle del calcio. In…

Leggi ancora un po'

L’uomo che osa: la politica nella storia

in Opinioni di

“Le tendenze democratiche non vogliono forzare la mano alla storia…ma nelle epoche rivoluzionarie la prassi democratica fallisce clamorosamente… nel momento in cui occorre la massima decisione e audacia i democratici si sentono smarriti… si presentano come predicatori esortanti laddove occorrono capi che guidino sapendo dove arrivare”. Lo scrivevano nel manifesto di Ventotene Altiero Spinelli ed…

Leggi ancora un po'

Sinistra: cosa ne resta?

in Politica di

Oramai è passato più di un mese dal 4 marzo: una giornata che indiscutibilmente rappresenta uno spartiacque per la politica e, in qualche modo, lo rappresenta sopratutto per la Sinistra in Italia. Inutile sottolineare che questi risultati elettorali rappresentano il più grosso colpo che le forze progressiste italiane subiscono dal dopoguerra ad oggi, in tendenza…

Leggi ancora un po'

Ci siamo turati il naso, e allora?

in Opinioni/Politiche 2018 di

È ormai passato un mese dal disilluso 4 marzo elettorale. Ogni tanto rimugino su quei giorni colmi di singolari atti d’esistenza, e mi chiedo se non fossero chiari, nell’ombra della coscienza, i possibili risultati. Succede a tutti che l’esperienza, anche quando non sembri dar risultati consolidati, permetta barlumi intellettuali sull’evoluzione della realtà: come intuito divino…

Leggi ancora un po'

Dopo le dimissioni, le risposte di Civati

in Opinioni di

Agli Stati Generali di Possibile a Bologna c’era un palpabile clima di disorientamento, nel senso che non si capiva bene quale strada si fosse percorsa. Echeggiava nella hall del cinema Nosadella la frase “bisogna ricostruire” condita dal profumo di pop-corn e dall’odore ben più acido della delusione. Ecco forse ho visto più orgogliosa amarezza che…

Leggi ancora un po'

Capitolo 11 – Neanche gli dèi

in La sottile linea rossa - Diario di un piddino di

“Inutile!”, esclamò con asprezza un mio compagno di partito. “Non ho ottenuto niente.” Aveva un’espressione imbronciata che s’intonava con gli occhi infossati e il lungo mento un po’ asimmetrico. L’espressione imbronciata era presente anche nei suoi momenti migliori, e quello non era uno dei suoi momenti migliori. Il PD aveva perso le elezioni, si era…

Leggi ancora un po'

Arrivederci Sinistra

in Politica di

La Sinistra in Italia non è morta ieri notte, ma solo ora ne abbiamo davvero visto il cadavere. Un cadavere dal volto tumefatto e irriconoscibile, impietosamente martoriato dai suoi assassini. E quegli assassini siamo noi, militanti, elettori, antifascisti e dirigenti di Sinistra. Abbiamo atteso, siamo stati inermi a guardare i nostri valori venir strappati a…

Leggi ancora un po'

torna su